News

03/06/2019

Grandissimo risultato per la Flag giovanile dei Warriors.

Gli Under 17 di flag football sono vice campioni d'Italia 2019.

I giovanissimi ragazzi di Coach Giacomo Sacco hanno sbaragliato ogni più rosea previsione e sono arrivati ad un passo dal titolo italiano, sfuggito ai Blue nella finale contro gli Skorpions Varese per 25 a 26.

Lo scorso weekend a Principina Terra di Grosseto si sono svolte le finali italiane delle tre categorie di Flag Football giovanile: Under 13, Under 15 e Under 17
I 15 atleti Warriors presenti, con l'inserimento anche di tre ragazzi ed un allenatore dei Doves, hanno raggiunto le finali con la selezione Under 17 attraverso la partecipazione a tre bowl nei mesi precedenti.
A Grosseto si sono affrontate le otto migliori formazioni divise in due gironi.
I Warriors sono stati inseriti in quello con i Cardinals Palermo, gli Skorpions Varese e i Gladiatori Roma.

Nelle fasi eliminatorie di sabato 1° giugno i guerrieri hanno regolato sia Roma (38 a 23) che Palermo (54 a 25). Poi nell'ultimo incontro contro i fortissimi Skorpions sono arrivati a fine partita sul punteggio di 31 pari. Overtime e finale con il botto (38 a 37 per Bologna).
I Warriors hanno vinto tutti e tre gli incontri e sono passati alle finali di domenica 2 giugno come primi del girone.
Dall'altra parte del tabellone sono risultati primi i Seamen Milano e secondi le Aquile Ferrara.
Quindi grandissima semifinale in programma valevole per l'accesso alla finale per il titolo Warriors contro Aquile.
Risultato sempre in sostanziale bilico ma alla fine i Blue ce l'hanno fatta alla grande con il finale di 46 a 40.
I Warriors sono andati quindi in finale meritatamente.
Nell'altra semifinale gli Skorpions hanno battuto i Seamen e per i Varesotti si ripresenta la possibilità di rivincita contro i guerrieri.
La finale ha visto i Warriors prima condurre poi essere superati, ma alla fine, a pochissimi secondi dalla fine, é arrivato il td del potenziale pareggio guerriero.
Con lo score che diceva Varese 26 e Bologna 25, i Blue sono andati alla trasformazione, ma gli scorpioni lombardi hanno fatto buona guardia e si sono portati a casa la vittoria ed il titolo.
Ma Bologna è stata grandissima e i Warriors hanno superato ogni previsione.

MVP di tutto il torneo per l'offense il guerriero Andrea Bello, ma la vittoria delle 4 partite precedenti e la fantastica finale sono merito di tutto il Team e dei loro allenatori.

Un altro ringraziamento importantissimo: al pubblico bolognese, fatto di mamme, papà e parenti vari, pittoreschi e rumorosi.

Tutta la Community Guerriera è Vice Campione d'Italia 2019.

Ufficio Comunicazione Carpanelli Warriors Bologna
foto by Monica Audoglio

27/05/2019

Terminata la regular season per il Campionato di Division I° di football americano.

Terminata dopo 8 giornate la stagione regolare del football.
Sei formazioni accedono ai playoff, una retrocede e due si salvano e vanno in vacanza rimandando il tutto all'anno prossimo ma sempre nella massima serie.
Quest'ultimo risultato rappresentava il traguardo iniziale dei Carpanelli Warriors che, ricordiamolo, erano arrivati ai massimi livelli direttamente dalla seconda serie, vincendola lo scorso 2018 con un campionato stellare fatto di tutte vittorie.
I bolognesi non volevano assolutamente ritornare nel purgatorio, dopo un anno di ritrovato paradiso.

Quindi obiettivo centrato per i Blue di Coach Giorgio Longhi e del presidente Elisabetta Calzolari ?

Diciamo di sì, anche perchè in un momento storico di una situazione in generale nella quale bisognerebbe accontentarsi anche di poco, prevale la regola che l'ultimo arrivato nel "club dei grandi" è sempre il più debole ed il più accreditato per il ritorno in II° Division.
Ma non sarebbe onesto far finta di nulla su altri aspetti che, al contrario, ad un certo punto della storia di questa nuova avventura sportiva, hanno fatto ritenere possibili diversi finali di stagione.

I Carpanelli Warriors sono arrivati ottavi, con una vittoria e sette sconfitte, relegando i forti Lions Bergamo all'ultimo posto.
Per contro, i Giaguari Torino sono arrivati sesti e con due sole vittorie accedono alla post season.
Per prima cosa, bravi i torinesi che ci sono arrivati e "somari" i bolognesi che non ce l'hanno fatta!

Sia ben chiaro che noi operiamo nel football americano e non in altri sport dove si cercano sempre delle scuse o si addebitano gli sbagli a fattori esterni.
Nel nostro mondo si dice che i più bravi di tutti, fino ad oggi, siano i milanesi che sono arrivati davanti a tutti, poi un po' meno bene Bolzano, poi Firenze poi Parma, Roma e Torino, nell'ottica che ognuno è stato un po' meno bravo di quello davanti. Poi arrivano i team che hanno fatto ancora peggio e non sono andati avanti, per poi finire, addirittura, con quelli che dovrebbero andare nella serie inferiore (poi si vedrà meglio più avanti se la Federazione non chiederà a tutti di restare in I° Division per una questione legata al numero delle formazioni che la compongono).
Ma nella consapevolezza che comunque i Carpanelli Warriors ci hanno sempre provato in tutti gli incontri ed in ogni occasione che si è presentata loro, non vogliamo però nascondere quel pizzico di rammarico che ti attanaglia come quando a scuola ti interrogavano e prendevi 6 pur essendo fermamente convinto di aver saputo l'argomento, non diciamo da 10, ma certamente da 7, o forse anche da 7 e mezzo.

Stranieri non all'altezza della situazione, infortuni ad uomini chiave, arbitraggi definiti qualche volta troppo penalizzanti, sono incidenti di percorso con i quali bisogna condividere il tragitto e predisporsi al meglio affinchè siano i più indolori possibili. Ma la strada che hai percorso l'hai scelta tu e non devi dare colpa a nessuno se è molto faticosa.

I guerrieri hanno sofferto un po' troppo. Lo hanno studiato, lo hanno ammesso e lo devono forse ancora metabolizzare fino in fondo, ma una cosa è certa: da lunedì mattina, a fari spenti e giochi fatti, sono ripartite le prime telefonate e richieste di incontri da parte di tanti ragazzi per vedere cosa si potrebbe migliorare per il 2020. La società è già ripartita dalla tante certezze di cui dispone e gli allenatori hanno già iniziato a ridefinire regole ed individuare strategie per migliorare la competitività del Team dell'anno prossimo, quando i Blue non saranno più quelli appena arrivati, ma saranno uno di quel team che hanno maturato il diritto (e non il favore) di stare in I° Division.

E a suggellare questo rinnovato entusiasmo sono arrivati anche due prestigiosi risultati del settore Flag dei Warriors: l'ammissione alle finali italiane di Grosseto del Team U17 e lo splendido secondo posto della Coppa Italia Flag Senior Open raggiunto dai TAZ30, la mitica selezione over del flag blue bolognese.
Complimenti a questi ragazzi che rappresentano passato, presente e futuro dei Warriors Bologna.

Ufficio Comunicazione Warriors Bologna

25/05/2019

Tra Tackle Football e Flag Football il marchio del guerriero bolognese è sempre presente su tutti i campi.

I TAZ30 Warriors raggiungono per il terzo anno consecutivo la fase finale della Coppa Italia di Flag Football Senior, competizione che apre la stagione 2019 di questo sport che avvia i giovani al Football Americano ma che consente anche ai vecchi atleti di continuare a cimentarsi nello sport che amano, sfidando le nuove generazioni.
La fase finale della Coppa Italia si svolgerà nella domenica 26 maggio dalle ore 10 alle 16 nella splendida cornice della Festa dello Sport di Monteveglio (BO).

A contendersi la Coppa saranno i Refoli di Trieste, i 65ers di Arona, i Red Tigers di Ortona e i Warriors Bologna ovvero le prime quattro squadre classificate nei Bowl disputati nei mesi scorsi a partire da marzo. La giornata conclusiva di questa competizione nazionale si svolgerà con la formula di un mini torneo al termine del quale le prime due classificate disputeranno la finale per il 1° e 2° posto (trasmessa in diretta streaming) e le altre la finalina per il 3° e 4° posto.

I TAZ30 Warriors si presentano alle finali con la consueta allegria e consapevolezza dei propri mezzi (tanto talento … ma tanti anni!) nonché con la lieta sorpresa dell’innesto di cinque giovanissimi guerrieri che hanno portato la settimana scorsa la squadra Under 17 alla conquista delle finali nazionali del campionato italiano di Flag Football della loro categoria. I ragazzi bianco blu Matteo Ballarin, Andrea Bello, Diego Carboni, Emiliano Marini e Pietro Nicodemo si uniranno ai già collaudati figli d’arte Giacomo Vanni e Andrea Bini.

Tutti insieme questi ragazzi avranno il compito di instillare nuova linfa alla già collaudata esperienza dei “sempre verdi” atleti che dal 2011 hanno portato in campo ogni stagione la passione per questo sport e i sentimenti di fratellanza che li ispirano.
Siamo sicuri che le tre generazioni del football bolognese che scenderanno in campo lotteranno su ogni pallone per la vittoria ma soprattutto sapranno onorare la maglia numero 30 che come ogni partita ci accompagnerà ancora sul campo.”

Ufficio Comunicazione Warriors Bologna

22/05/2019

Campionato Flag Football U17

Conclusi i tre bowl organizzati dalla FIDAF per la definizione dei ranking relativi alle finaliste italiane della categoria, i Warriors U17 hanno centrato un importantissimo risultato.
Nell'ultimo concentramento in terra marchigiana sono state sei le partite disputate nel girone assieme ai Dolphins Ancona e alle Aquile Ferrara.
Cinque vittorie ed una sconfitta contro i Ferrara, hanno consentito ai bolognesi l'automatico accesso alle finali di Grosseto in programma a Principina dal 31 maggio al 2 giugno prossimi.
Il risultato ottenuto è stato prestigioso e proprio domenica scorsa, in occasione dei due bowl di Ancona, i piccoli guerrieri hanno dato una dimostrazione di forza incredibile manifestando una capacità di concentrazione che poco rispecchia la giovane età.

Un plauso agli allenatori dei Warriors e dei Doves, con i quali i guerrieri hanno condiviso questa esperienza, e che a questo punto li vedrà ancora insieme per le ambite finali.
Il settore Flag è fondamentale per avvicinare i giovani, maschi e femmine, al football vero e proprio, il cosiddetto touch football.
Attraverso questa disciplina si costruiscono i fondamentali del football, si aggregano i ragazzi e le loro famiglie e si creano le indispensabili amicizie sportive necessarie e fare squadra.
Tutti questi sono chiari valori espressi dallo sport di squadra che servono a diffondere il football americano anche nel non sempre facile mondo della scuola.

I Warriors sono continuamente alla ricerca di nuove forze, sia per il settore del football con casco e spalliera, sia per il Flag Football, nel quale il contatto fisico viene sostituito dallo strappo di una semplicissima bandierina posta in cintura al fianco dell'atleta.
Tutti coloro che fossero interessati, ripetiamo sia ragazzi che ragazze, dagli undici anni in poi, possono mettersi in contatto con l'Academy dei Warriors (academy@warriorsbologna.it) e lasciare i propri contatti. Un responsabile si metterà in contatto velocemente per un primo colloquio telefonico.

Per onore di cronaca, citiamo i nomi dei protagonisti di questa importantissima impresa: Diego Daniele Tomasi, Tommaso Zucchini, Filippo Frascaroli, Dan Prodan , Gabriel Lopez, Francesco Vagnerini, Pietro Nicodemo, Lorenzo Bauccio, Edoardo Tanzini, Alessandro Calzolari, Eddi John Gomes Oliveira, Andrea Bello,Diego Carboni, Matteo Ballarin, Emiliano Marini, Daniele Paradisi ; ai quali va aggiunto, con una standing ovation, il nome di Giada Bertoglia, l'unica guerriera del Team U17.

Ufficio Comunicazione Carpanelli Warriors