News

02/12/2018

Si conclude la corsa dei giovani guerrieri nel campionato under 19.

Ancona passa a Bologna e con il suo 6/0 veleggia in testa alla classifica.
La formazione di Coach Longhi arriva alla fine della regular season con una vittoria e cinque sconfitte, ma con una formazione talmente giovane che fa ben sperare per il futuro anche in questa categoria.

Poco da dire agonisticamente circa una partita che aveva già sancito quale sarebbe stato il futuro dei due team ancor prima di iniziare.
Al contrario, gli allenatori volevano assolutamente vedere se i Blue avessero già appeso il casco al chiodo prima di terminare l'impegno oppure, come speravano, avrebbero chiuso il torneo con la voglia di onorare il blasone dei Warriors.

E non c'è il minimo dubbio che i bolognesi abbiano dato una risposta più che positiva, stando sempre sul terreno da protagonisti e non certo solo come vittime sacrificali.
Belle giocate, qualche errore ma sempre dovuto alla voglia di arrivare sul portatore di palla in modo non sempre corretto.

Non si possono colpevolizzare atleti privi di esperienza che volevano dimostrare di dare il 110% delle proprie potenzialità.
Sarà proprio da questo punto che gli allenatori ripartiranno prestissimo, per insegnare ai giocatori che il football non è il gioco di caccia a chi ha il pallone e basta, quanto piuttosto una sommatoria di competenze e conoscenze che si costruiscono soltanto con l'allenamento.

Ora qualche settimana di pausa, poi a gennaio subito pronti a ripartire con slancio e determinazione.
Ma già il coaching staff sta pensando al Team senior che avrà un 2019 nella massima serie.

Grazie a tutti i ragazzi dei Warriors che, assieme ai Ravens e ai Doves hanno costruito il progetto; allo staff di allenatori e dirigenti che hanno lavorato molto per dare animo a questa selezione; agli sponsor che hanno permesso tutto questo movimento con la consueta attenzione e passione.

In fine un grande in bocca al lupo ad Andrea Bello e a tutti gli altri infortunati durante il campionato che, anche solo con la presenza fisica, hanno dimostrato di essere parte integrante della società.

Ufficio Comunicazione Warriors Bologna

28/11/2018

Sabato 1° dicembre si chiude la stagione agonistica 2018 dei Warriors.

All'Alfheim Field di via degli Orti, sabato alle ore 19 andranno in scena i giovani under 19 guerrieri per l'ultima uscita stagionale del campionato italiano.
Di fronte i Dolphins Ancora, formazione in testa al girone con il conclamato obiettivo di raggiungere le finali di questa manifestazione.

Dal punto di vista del risultato, la sesta partita della regular season 2018 non ha un grande interesse; i bianco/blu oramai hanno accantonato tutte le speranze di una post season e molti di questi ragazzi, dopo la pausa natalizia, saranno nuovamente impegnati in varie attività, o con la formazione senior o con la ripresa degli allenamenti del flag.

Questo campionato, lo ripetiamo ancora una volta, non ha rinnovato i risultati degli scorsi anni. Ma questo era chiaro fin dall'inizio proprio in quanto coincideva con la costruzione di un nuovo triennio di competizioni del settore giovanile.

Ciononostante, seppur la classifica ha manifestato una certa difficoltà di finalizzare i risultati, sono comunque emerse delle interessanti considerazioni da sviluppare anche già nel 2019.
Alcuni giovani Warriors, seppur con scarsa esperienza agonistica nel campionato giovanile più grande, hanno interpretato il ruolo loro assegnato con grande passione e dedizione.
E' vero non tutti; alcuni cali di intensità importanti di qualche singolo hanno penalizzato il gruppo.

Ma anche da questa considerazione, allenatori e giocatori hanno tratto un fondamentale significato: il football si gioca in gruppo; si vince o si perde insieme come un solo meccanismo composto da molti componenti tutti rivolti allo stesso risultato.

La più grande soddisfazione del coaching staff sarà sicuramente quella che quei pochi che non hanno dato il 100% non hanno certamente impedito a chi ne aveva la voglia di onorare ogni incontro e di togliersi anche alcune importanti soddisfazioni.

E' vero anche che il 2018 under 19 sarà ricordato come l'anno degli infortuni, molti dei quali sciocchi ed accaduti anche fuori dagli allenamenti veri e propri.
Ma, come sempre affermato, queste sono sole scuse che non si addicono a ragazzi che stanno per finire una più che discreta esperienza uniti in un gruppo che ha sancito nuove amicizie che rimarranno tali anche a fari spenti dopo il torneo.

Per salutare tutti questi ragazzi, i loro allenatori, lo staff e i genitori, inseparabili forever bianco/blu, l'intero Popolo Guerriero è atteso alla Lunetta Gamberini sabato alle ore 19.

Il risultato sarà certamente importante, ma la cosa più determinante sarà l'atmosfera che tutti i singoli appartenenti al gruppo hanno saputo creare al loro interno.

Ufficio Comunicazione Warriors Bologna

26/11/2018

Reggio si impone su Bologna.

Gli Hogs si impongono 37 a 26 contro una formazione guerriera che ha risposto decisamente meglio della scorsa settimana.

Non era il risultato finale l'obiettivo principale dei bolognesi.
Certo, vincere è sempre fondamentale, ma l'intero coaching staff avrebbe voluto vedere, domenica a Reggio Emilia, un Team bianco/blu meno arrendevole e meno impreciso della scorsa settimana. Detto, fatto. La risposta dei presenti non si è fatta aspettare seppur Reggio abbia controllato l'incontro con maggior determinazione degli ospiti.

A parte il perdurare degli infortuni di uomini chiave, anche altre difficoltà si sono abbattute sui guerrieri.
Piccoli ma fastidiosi infortuni che hanno ulteriormente limitato il roster in partenza per la tana dei porcellini.

Eppure, e ripetiamo, dopo la quarta sconfitta su cinque gare, gli allenatori hanno elogiato i propri ragazzi che si sono sobbarcati anche il peso degli assenti; giustificati quelli infortunati, non scusati quelli coinvolti in impegni insormontabili del tipo: il papà non vuole che faccia sport sotto la pioggia.......

Quelli scesi in campo ci hanno creduto fino alla fine; fino a quasi metà gara sono stati in grado di rispondere colpo su colpo agli attacchi degli Hogs.
Poi, purtroppo per Bologna, un terzo quarto sciagurato ha pregiudicato il risultato finale, parzialmente rimesso un po' in discussione da un finale guerriero con l'intensità giusta.

Ancora assegnamenti sbagliati, ma questa volta con la chiara consapevolezza di averli compresi per non ripeterli.
Tanti giovanissimi (quelli del 2002) oramai pedine fisse sul terreno, con la speranza di finire questa stagione per preparare già quella del 2019.

Sabato 1° dicembre sarà l'ultimo impegno 2018 per i Warriors, contro i primi della classe degli Ancona Dolphins.

Alle ore 19 si chiuderanno le ostilità con la chiara intenzione di ripartire, quanto prima, alla ricostruzione di una storica formazione giovanile.

Ufficio Comunicazione Warriors Bologna

23/11/2018

I Warriors a Reggio Emilia più per orgoglio che per classifica.

Prosegue il campionato italiano Under 19 per i guerrieri.
Pochissime speranze di agguantare i playoff per i bianco/blu, ma la partita, finchè l'arbitro non fischia la fine dei giochi, è ancora aperta.

Ma non sono neanche i due punti nella insidiosa trasferta di domenica alle ore 14:30 sul terreno del Valli di Via Luthuli, che il coaching staff bolognese pretende con determinazione, quanto piuttosto una vera risposta dei singoli in una grande prova di orgoglio del Team.
Le sfortune, gli errori, i problemi scolastici ..... sono soltanto scuse che poco si adducono a questo sport.

La verità è che la formazione bolognese, dopo l'entusiasmante vittoria dell'esordio proprio contro i reggiani, nella quale ha messo in luce un carattere ed una volontà di vittoria che avevano consentito di ribaltare un risultato per lunghi tratti negativo, è entrata in un tunnel di prestazioni poco performanti e discontinue nel tempo.

Certo, si sapeva benissimo che il 2018 sarebbe stato un anno di transizione per ricostruire un gruppo che potesse rappresentare le basi per un ulteriore biennio di successo come quello degli scorsi anni, ma questo non voleva significare che la squadra si dimostrasse arrendevole nelle occasioni determinanti.
E non ci riferiamo soltanto alle singole partite, ma soprattutto durante alcuni allenamenti settimanali strategici e fondamentali che poi hanno causato gran parte dei motivi delle sconfitte successive.

Gli allenatori sono stati molto chiari dopo il ko interno di sabato scorso contro Sarzana: "Noi siamo qui, e siamo disponibili a lavorare con chi ne avrà la voglia sul serio".
In sostanza un monito a quei giocatori che interpretano il football come uno sport come tanti altri, nei quali la continuità e l'intensità degli allenamenti non rappresentano il vero spirito agonistico.

Chiaramente non ci riferiamo al complesso dei ragazzi, ma ad alcuni che hanno contribuito a complicare le cose dell'intero gruppo.
Al contrario, durante la stagione, gli allenatori hanno valutato interessanti giocatori che sicuramente andranno, molto presto, a rimpinguare la formazione senior 2019.
Per l'incontro di domenica è prevista soltanto la presenza di giocatori che vogliono giocarsela con tutti, ancorchè più quotati o esperti.

Gli allenatori ricordano sempre che in campo si scende in 9 atleti da ambo le parti, che tutte e due le squadre sono state preparate per creare problemi agli avversari e che alla fine ne vince solo una. Ma aggiungono anche che, seppur perdente nel risultato, un Team può uscire a testa alta in quanto in grado di dimostrare di far parte di un programma di crescita che necessita di tempo per realizzarsi.
Questo è ciò che vuole la società: che un ragazzo sia un guerriero tanto nella gioia della vittoria quanto nella delusione della sconfitta, ma che da entrambe le situazioni sia in grado di trarre la motivazione giusta per riprendere il proprio cammino, mantenendo ben chiara la destinazione finale e la strada migliore per raggiungerla.

RUW - Rialzati Guerriero perchè hai fedeli compagni di squadra, amici sugli spalti e il cuore sportivo della città che tifa per te.

Ufficio Comunicazione Warriors Bologna